Novembre 2019

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
Il mio Paradiso è il tuo Inferno?

Il mio Paradiso è il tuo Inferno?


Intervista Olivier Dubois


Coreografo radicale, sperimentatore, Olivier Dubois sa anche affascinare lefolle. Lo sa bene il pubblico di Bolzano Danza che da anni lo accoglie con grande entusiasmo. Ancora una volta il coreografo francese ha scelto di far debuttare al nostro Festival il suo ultimo lavoro Tropismes, spettacolo nel quale, ispirato da Dante, sperimenta una danza che trascende a partire dal movimento più sfrenato delle discoteche. Un girone infernale o paradisiaco per otto anime.


Tropismes rappresenta la terza tappa del tuo lavoro di ricerca intorno alla Divina Commedia dopo Les mémoires d’un seigneur e 7xRien, e si ispira al mondo del clubbing. Quale relazione hai stabilito tra il capolavoro di Dante e la discoteca?


L’essenza stessa di tutta la mia indagine intorno alla Divina Commedia risiede nel fatto che le nozioni di Paradiso, Inferno e Purgatorio non sono segmentabili. Sono un tutt’uno. La Divina Commedia avrebbe potuto intitolarsi La Divina Umanità o forse, ancora meglio, La Comédie Humaine, un’altra versione di Balzac! Paradiso, Inferno e Purgatorio non sono che zone variabili in relazione all’attore o allettore. In altre parole: il mio Paradiso potrebbe essere il tuo Inferno. La discoteca, il
clubbing, una sala da concerto sono spazi emblematici per questa definizione. Molto semplicemente se ti invito a un concerto di Beyoncé e tu non la ami per niente, io sarò in Paradiso al concerto e tu all’Inferno. Non ci resta che il dialogo, ovvero il Purgatorio.


Per la musica dello spettacolo collabori ancora una volta con François Caffenne. E questa volta la musica è ad alti decibel. Dove volete condurre lo spettatore?

Una sala da concerto, una discoteca sono luoghi dove l’intensità sonora deve essere così decisa da rendere sordi e quasi muti. I sensi più attivi in questi contesti vengono messi a tacere in modo che la vibrazione compia il passo e offra un incantesimo.

Cosa ha ispirato, invece, i movimenti dei danzatori in Tropismes?

Oh là là! Direi tutto e niente. Dal rock ai balli di sala latini, dalla pizzica all’aerobica… un’immensa tarantella che gli uomini non smettono di creare. Un veleno e un rimedio, un inferno e un paradiso!

Condividi:

< Torna Elenco
 

Newsletter

Inserisci la tua e-mail per essere sempre aggiornato sul festival

Ticket online

Ticket on line
 
Accetto

INFORMATIVA BREVE.

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di “terze parti”.
E’ possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l’utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa.
Proseguendo la navigazione verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina “gestione dei cookies”.